Home » Blog » Sfalci in Lombardia nuove linee guida

Sfalci in Lombardia nuove linee guida

Sfalci in Lombardia nuove linee guida i residui di lavorazione del verde potranno essere usati sia come concime sia per agro energia. 

Le linee guida definite da Regione Lombardia sull’utilizzo in ambito agricolo degli sfalci verdi (Sfalci in Lombardia nuove linee guida) derivanti dall’attività di cura del verde soddisfano 

Coldiretti Lombardia che in un comunicato esprime la propria approvazione per le decisioni prese a Milano.

«Il documento chiarisce che i residui di lavorazione del verde possono essere destinati ad un utilizzo agricolo

 sia come concime per i terreni nel rispetto delle buone pratiche agronomiche,

 sia per la produzione di agro energia, purché vi sia adeguata tracciabilità tra il punto di produzione e il luogo di destinazione»

Quando il soggetto che effettua la manutenzione è un agricoltore-florovivaista che raccoglie i residui di lavorazione (come sfalci d’erba e ramaglie)

Sfalci, Regione Lombardia

e li riutilizza presso la propria azienda nel ciclo agricolo o per la produzione di biogas, l’attività non viene considerata come una produzione di rifiuto, ma come la gestione di materia nello stesso ciclo produttivo.

biogas

Quando il soggetto che effettua la manutenzione è un florovivaista non agricoltore manutentore del verde

che raccoglie i residui di lavorazione e li riutilizza presso la propria azienda solo come ammendanti,

l’attività non viene considerata come produzione di rifiuto, ma come la gestione di materia nello stesso ciclo produttivo.

Se il soggetto che effettua la manutenzione porta i residui di lavorazione a un agricoltore

terzo che li inserisce nel ciclo agronomico per la produzione di biogas o per la produzione di materia che usa nella sua attività agricola

chiudendo il ciclo del sottoprodotto, il materiale, non configurandosi in partenza come rifiuto, non soggiace alla gestione rifiuti

La coldiretti di regione Lombardia continua:

«Ringraziamo gli assessori regionali all’Agricoltura e all’Ambiente per aver accolto le nostre istanze  e per aver fatto chiarezza sulla normativa,

attraverso un’interpretazione che permette di agevolare la transizione verso il modello di economia circolare per migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse con una semplificazione burocratica e dei servizi.

In conclusione le aziende agricole interessate troveranno presso i nostri uffici tutte le informazioni e la consulenza tecnica sulle nuove linee guida».

————-

👉Clickart Group