Vai al contenuto
Home » Produttori » Italia (🔧Produttori) » Agricola Vallecamonica (🔧Produttori) » Ciass Négher (🧱Prodotto)

Ciass Négher (🧱Prodotto)

Ciass Négher

Nome: Ciass Négher
Nazione:
Italia ITA/EU
Altitudine:
250 e 400 metri s.l.m. 
Uvaggio:
Marzemino 70/80%; restante parte uvaggi locali.
Categoria:
Vini Rossi
Organizzazione:
FIVI Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti
Premi

  • Ciass Negher 2011| Vinibuoni d’Italia: 3 stelle
  • Ciass Negher 2009 | Gambero Rosso 2018: 2 bicchieri

Descrizione

Le uve provengono dai vigneti dell’azienda posti tra 250 e 400 metri s.l.m. nei comuni di Cividate Camuno, piana delle “Colture”, e Berzo Inferiore, zona “Vigne Nuove”. Anticamente Civitas Camunnorum, fondata dai Romani nel 16 A.C., prima culla della viticoltura in terra Camuna. IGT Valcamonica Rosso. Marzemino 70/80%; restante parte uvaggi locali. Spalliera alta a Sylvoz modificato; Guyot semplice, 5000 ceppi per ettaro a prato inerbito. Sabbie drenanti superficiali, infiltrazioni di argilla, in profondità rocce sedimentarie. 14/15 % VOL. Le uve vengono raccolte manualmente nel rispetto delle differenti maturazioni polifenoliche. La vendemmia del Marzemino è molto tardiva, in alcune annate si arriva alla prima decade di Novembre. Dopo diraspatura e pigiatura avviene la fermentazione alcolica spontanea in vasche d’acciaio ad opera di lieviti indigeni con follature e rimontaggi manuali senza utilizzo di pompe; ciò assicura un’estrazione delicata di frutto e tannino. La macerazione post fermentativa è lunga e può arrivare a 60 giorni, successivamente il vino separato dalle bucce continua la seconda fermentazione malolattica in acciaio dove rimane integralmente sulle proprie fecce per un periodo di almeno 12 mesi. Dopo la stabilizzazione avviene l’imbottigliamento senza filtrazione e la successiva messa in vendita passati 6 mesi. Molta attenzione viene posta al contenuto di solforosa totale che ci imponiamo di mantenere tra 40 e 60 mg/l.Circa 3500 bottiglie nel rispetto dell’annata. Accompagna formaggi stagionati del territorio, meglio se d’alpeggio, secondi piatti tradizionali, carni rosse e selvaggina.