Home » Blog » Paragonare vino al fumo

Paragonare vino al fumo

Il parlamento europeo riunito nella giornata di ieri non ha dato seguito alle ipotesi di paragonare il vino al fumo di sigaretta. 

 L’ipotesi di mettere sulle etichette “alert” sulla salute per paragonare vino al fumo si è ridotta al perimetro considerato ragionevole anche dai produttori di vino veneto della raccomandazione al “consumo responsabile”.

Nessuna scritta da deterrente per ostacolare l’acquisto di vino , la buona ragione a prevalso.. 

Un altra parentesi riguarda gli sponsorship, la limitazione o il divieto di sponsorizzazione per le bevande alcoliche

è adottato solo per quegli eventi sportivi il cui pubblico è costituito in prevalenza da minori. 

È questo l’esito della votazione sul “Cancer Plan”, il piano strategico per la lotta al cancro, contenente indicazioni per la prevenzione e per la salute:

gli emendamenti sono passati. Entrando nel dettaglio, si è sancito che chi beve vino non si sottopone automaticamente al rischio di un “consumo dannoso” (harmful consumption)

“Siamo soddisfatti perché abbiamo vinto una battaglia importantissima contro l’assurda proposta europea di etichettare il vino come cancerogeno”,

dichiara l’europarlamentare della Lega Mara Bizzotto, membro della Commissione Agricoltura.

“Avrebbero messo in ginocchio migliaia di aziende vitivinicole italiane, ma non abbiamo ancora vinto la guerra: c’è in gioco il futuro del settore agroalimentare italiano e milioni di posti di lavoro”.

Della qualità del vino veneto parlano anche i numeri legati al valore del prodotto Dop e Igp imbottigliato che è di 3,5 milioni di euro, vale a dire il 37,9 per cento del totale italiano. Inoltre su un totale di 89 prodotti tipici 53 (43 dop e 10 igt) riguardano proprio il vino.

Sono proprio i numeri a dire che il vino rappresenta un’eccellenza italiana e veneta: 

e sono stati eliminati degli health warnings che saranno sostituiti con il concetto di “moderate and responsible drinking information”.

Il 17 gennaio sarà affrontato nella seduta plenaria dell’europarlamento, l’argomento relativo al conflitto con il Prosek Italia-Croazia.