Home » Blog » Legge Agricoltura Biologica

Legge Agricoltura Biologica

Slittata ad oggi 9 febbraio, la discussione sul disegno di Legge Agricoltura Biologica che regolerà la produzione del settore italiano.

Tra le novità sulla legge dell’agricoltura biologica si definiscono i prodotti bio di interesse nazionale e danno vita un brand Italia per la commercializzazione.

Oggi eccetto nuovi rinvii dell’ultimo minuto si discuterà della difficile riforma.

La riforma approvata in prima lettura al Senato lo scorso maggio,

è prevista anche l’equiparazione tra biologico e biodinamico che ha già provocato, malumori

“Si vada avanti con il Dld sul biologico, tenendo conto delle parole del presidente Mattarella e delle perplessità sia del mondo scientifico, che di quello accademico”, suggerisce Dino Scanavino, presidente di Cia-agricoltori italiani.

Il testo con molta probabilità dovrà tornare all’esame del Senato ma questo potrebbe allungare all’infinito i tempi di approvazione del ddl. Domani, comunque, si capirà se questa ipotesi ha trovato sponde parlamentari sufficienti per andare avanti.

Coldiretti, Codacons, Federbio, Legambiente e Slow Food spingono per l’approvazione del testo perché sono convinte che per rispondere alle richieste dell’Europa sul green deal, occorra agevolare la transizione al biologico

di parte delle nostre produzioni e “per farlo servono norme precise per colmare il vuoto di carattere normativo”.

Nel 2021 gli acquisiti di prodotti bio Made in Italy sono stati 7,5 miliardi di euro di valore,

le vendite bio totali sono più che raddoppiate (+122%).

Dal loro punto di vista “il successo tra i consumatori finali sostiene l’aumento della produzione nazionale su 2 milioni di ettari di terreno coltivati, fornendo una spinta al raggiungimento degli obiettivi della strategia Farm to Fork del New Green Deal dell’Unione europea che punta ad avere almeno 1 campo su 4 (25%) dedicato al bio in Italia”.

———–

👉Scheda Green Coltivatore