Home » Blog » 115ª Fieragricola Verona

115ª Fieragricola Verona

Dal 2 al 5 Marzo 2022 nella città capoluogo della regione Veneto si svolgerà la 115ª Fieragricola Verona.

La 115ª Fieragricola Verona (oltre 500 espositori diretti da 11 Paesi) scommette
sulle energie rinnovabili per assecondare il percorso di transizione ecologica,

115ª Fieragricola Verona, Agricoltura

che mira a raggiungere
l’obiettivo “Emissioni zero” entro il 2050, secondo il progetto ambizioso del Green Deal, varato dalla
Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen.


Alla rassegna internazionale dedicata all’agricoltura, in programma a Veronafiere dal 2 al 5 marzo
prossimi,

inoltre ampio spazio sarà dedicato al Salone delle energie rinnovabili da fonti agricole,
ospitato nel padiglione 12 del quartiere fieristico.


Le energie rinnovabili in agricoltura rappresentano una soluzione efficace per ridurre le emissioni in
atmosfera,

favorire appunto la transizione ecologica e, nella situazione attuale dove il boom dei
prezzi dell’energia ha segnato percentuali ad esempio di crescita rilevanti, consente di contenere l’impatto della
bolletta delle imprese agricole.

Per non parlare dei benefici ambientali legati non soltanto alla
riduzione della CO2,

ma anche in funzione dello stoccaggio di carbonio e della maggiore fertilità del
suolo che si riesce ad ottenere adottando ad esempio soluzioni quali biogas e biometano.

Fieragricola, Fiera Verona, 115ª Fieragricola Verona


L’interesse del mondo agricolo per le rinnovabili è più vivo che mai e Fieragricola offrirà un’ampia
panoramica espositiva delle opportunità utili allo stesso modo sviluppare soluzioni multifunzionali di produzione di
energia.

Fiera Verona

Nel Salone delle energie rinnovabili da fonti agricole si troveranno le nuove frontiere del
biogas e del biometano, dell’energia solare (fotovoltaico e agrivoltaico) inoltre delle soluzioni per
valorizzare le biomasse agricole e la filiera legno-energia.


I convegni a Fieragricola sulle energie rinnovabili in agricoltura. Anche a livello di contenuti
Fieragricola ha sviluppato in una specifica Area Forum dedicata alle energie rinnovabili (padiglione
12) convegni,

workshop e inoltre approfondimenti (il programma completo è consultabile sul sito
www.fieragricola.it), fra i quali «Agrivoltaico, come far coesistere fonti rinnovabili e produzione
agricola», di QualEnergia.it

Elenco appuntamenti

  • 2 marzo, ore 10:30; «Incentivi e opportunità per efficientamento energetico e rinnovabili nelle imprese agricole»,
  • 2 marzo, ore 14:30; «Esperienze e progetti di Agrivoltaico in Italia», di EtaFlorence
  • 3 marzo; «Comunità energetiche per le aziende agricole», di QualEnergia.it
  • 3 marzo, ore 11:30; «Approfondimento Dm Biometano», del Consorzio Italiano Biogas – Cib
  • 3 marzo, ore 14; «Irrigazione solare accessibile, affidabile, conveniente per l’Europa e oltre», di SolAqua
  • ore 15:30, Sala B, Galleria padd. 11/12; «Farming for Future, presentazione Azione 6: Qualità e benessere animale», del Cib
  • 4 marzo, Area Forum padiglione 12, ore 11:30; «Pnrr, misure agroecologiche e azienda agricola», del Cib
  • 4 marzo, ore 14; «La rivoluzione elettrica in agricoltura» di Vaielettrico
  • 4 marzo, ore 15.30.

Un salto culturale. In una fase inoltre in cui il costo energetico è salito enormemente,

«il ruolo delle rinnovabili può aiutare, anche nel settore agricolo, dove accanto a biogas e biometano possiamo puntare per agevolare la transizione verde anche al fotovoltaico e alle bioenergie ottenute da materiale ligneo-cellulosico,

con una gestione più attenta delle foreste», dichiara Sergio Piccinini, responsabile del settore Ambiente del Centro Ricerche Produzioni Animali di Reggio Emilia, uno dei poli di ricerca più attivi a riguardo.

Ambiente Fieraricola 115ª Fieragricola Verona


«Siamo consapevoli che i numeri delle bioenergie non sono ad oggi risolutivi, ma possiamo affrontare
il tema con la consapevolezza che le rinnovabili sono già mature e pronte per giocare un ruolo
importantissimo, anche in agricoltura».


In Conclusione fondamentali, in tal senso, i fondi messi a disposizione dal Pnrr (2,2 miliardi per sostenere lo sviluppo
delle comunità energetiche) e, secondo Piccinini del Crpa, «sarebbe strategico adottare una politica
europea per le energie, così da avere una visione comune, in presenza di situazioni oggettivamente
differenti fra gli Stati membri dell’Ue».


Essenziale, per il responsabile Ambiente del Crpa, «operare un cambio culturale, che richiede tempo,
ma che può generare una svolta».

(Servizio Stampa Fiera Verona)